Questo sito utilizza i cookie per assicurare il corretto funzionamento dello stesso e raccogliere dati statistici sugli utenti in modo da poterci migliorare sempre più

Per maggiori informazioni sui cookie
Accetta di utilizzare i cookie sul nostro sito e chiudi il banner

Identifica i problemi di saldatura con Lippke 4000

Il sistema Lippke 4000 in aiuto a Omnibar

Omnibar

Omnibar è un’azienda innovativa di piccole dimensioni situata a Missoula, Montana (USA) produttrice di una barretta ad alto valore nutrizionale contenente proteine derivate da carne di manzo di alta qualità. Altri ingredienti includono patate dolci; avena biologica; semi di lino, burro di mandorle e prugne. La barretta Omnibar, lanciata sul mercato nel 2013, è diventata un alimento popolare soprattutto tra gli atleti di sport endurance; in quanto fonte di calorie e con un discreto contenuto di proteine.

Il processo di confezionamento richiede serie considerazioni

L’azienda è stata fondata da Cooper Burchenal, il quale era alla ricerca di nuovi potenziali mercati per aumentare la diffusione dei prodotti dell’allevamento di bestiame del ranch di famiglia, Blackfoot River Valley, in Montana. “Nel 2010 ci venne l’idea di sviluppare una barretta ad alta densità calorica e ricca di proteine animali, derivate da carne manzo”, spiega Cooper. “ A quel tempo tutti pensavano fosse un progetto folle, e al dire il vero i primi tentativi non furono incoraggianti”. Ma dopo tre anni di intensa sperimentazione e test di mercato arrivammo a sviluppare una formulazione che finalmente ebbe successo.

Il confezionamento di questo prodotto richiese serie considerazioni. “Non essendoci sul mercato prodotti simili non avevamo riferimenti relativi alla stabilità del prodotto e shelf life attesa; il nostro scopo era quello di mantenere il più a lungo possibile la freschezza le proprietà nutrizionali ottemperando al contempo i regolamenti delle autorità competenti“ dichiara Cooper.

Il confezionamento sotto vuoto non era praticabile in quanto gli oli naturali presenti nel prodotto tendevano a migrare in superficie. Inoltre dovevamo garantire l’assenza di ossigeno, proprio per prevenire i fenomeni ossidativi a carico degli oli. Decidemmo quindi di optare per il confezionamento in MAP; in flusso di azoto, utilizzando una flowpack orizzontale.

“All’inizio della produzione tutto sembrava andare bene, tuttavia dopo qualche tempo scoprimmo che alcune confezioni risultavano non conformi”, ammette Cooper. “Dopo qualche settimana il livello del residuo di ossigeno aumentava fino a raggiungere addirittura i livelli atmosferici, era un disastro. Fummo costretti a ritirare il prodotto da una delle catene di vendita più importanti; e affrontammo il rischio di perdere potenzialmente decine di migliaia di dollari; situazione insostenibile per una realtà aziendale agli inizi come la nostra”.


Contatta Dansensor Italia

Avevamo necessità di avere un rapido aiuto

Avevamo bisogno di trovare urgentemente la radice del problema e risolverlo. “Non avevamo semplicemente il know how per risolvere una situazione potenzialmente catastrofica”, ricorda Cooper. “Il Montana è uno stato grande, tuttavia non avevamo a disposizione le risorse per affrontare la situazione e non sapevamo a chi rivolgerci. Avevo un problema che non capivo, non sapevo come risolverlo ed ero spaventato dalle conseguenze”.

MOCON venne in aiuto. Omnibar aveva già in dotazione uno strumento della Mocon, il Pac Check 302, analizzatore di gas portatile che usavamo per verificare il residuo di ossigeno, test previsto nella procedura di controllo qualità. Cooper decise di interpellare la MOCON per avere un confronto sulla problematica che stavo affrontando. “Descrissi il problema ed inviai alcune foto e video. Il servizio di supporto capì immediatamente il problema e mi suggerì la soluzione per eliminarlo; per me fu un sollievo”

La soluzione: Lippke 4000 strumento di test delle confezioni

“MOCON ci fornì Lippke 4000 uno strumento sviluppato per testare la presenza di perdite e tenuta delle saldature delle confezioni. Lo strumento lavora insufflando aria all’interno della confezione a un flusso e pressione specifiche; la presenza di una perdita è immediatamente rilevata in caso di variazione di pressione; è possibile anche condurre test di scoppio (burst) corrispondente alla massima sollecitazione che la confezione può sopportare.”

“Con lo strumento di rilevazione perdite e test d’integrità della MOCON fummo in grado di identificare il problema, modificammo i parametri di saldatura della macchina di confezionamento e finalmente trovammo la soluzione”. Lo staff tecnico della MOCON individuò i settaggi ottimali del Lippke 4000; ci insegnò come usarlo e ci diede suggerimenti di come integrare i controlli nelle nostre procedure standard in produzione”.

Per Cooper la tecnologia MOCON e il servizio tecnico salvarono letteralmente l’azienda. “Siamo una piccola realtà agli inizi. Abbiamo rischiato di perdere un quarto della produzione annuale. Recuperato il costo dell’investimento dell’analizzatore? Francamente i soldi miglior spesi di sempre. Il Ritorno d’investimento fu in pratica immediato.”

Oltre a risolvere il problema al suo insorgere, il Lippke 4000 è stato incorporato nel programma di assicurazione qualità della Omnibar; “avendo la tracciabilità delle analisi possiamo facilmente presentare le misure dei test agli auditor esterni. E’ uno strumento facile da programma e usare e riceviamo un eccellente servizio tecnico”, dichiara Cooper.



interessato ad offerta?

La invitiamo ad inviare i suoi dati e riceverà un’offerta entro breve.

Richiesta di offerta

Richiesta di offerta per

La invitiamo ad inviare i suoi dati e riceverà un’offerta entro breve.
Nome Azienda
Nome
Nazione
Provincia
Telefono n°
E-mail
Invio richiesta
Cancel
Get the Flash Player to see this film clip.