Questo sito utilizza i cookie per assicurare il corretto funzionamento dello stesso e raccogliere dati statistici sugli utenti in modo da poterci migliorare sempre più

Per maggiori informazioni sui cookie
Accetta di utilizzare i cookie sul nostro sito e chiudi il banner

La presenza di perdite è un problema rilevante per la Shelf Life dei tuoi prodotti in MAP

Accidenti! Come una piccolissima perdita può rovinare la Shelf Life in un solo Weekend

 In ambito del confezionamento in atmosfera protettiva (MAP) la presenza di microperdite è una brutta notizia. Ora, nuove ricerche dimostrano quanto una piccolissima perdita possa essere dannosa. In una confezione in cui sia stato rimosso l’ossigeno, anche un minuscolo foro, metà diametro di quello di un capello umano, può permettere l’ingresso d’aria, e quindi d’ossigeno, piuttosto velocemente. Anche solo dopo tre giorni il livello di ossigeno all’interno della confezione è sufficiente per lo sviluppo di muffe e batteri. La reputazione del marchio è quindi in pericolo.

Il problema delle perdite è cruciale per la MAP; tuttavia si hanno poche informazioni su quanto velocemente l’aria possa entrare attraverso una perdita. Per poter dare una risposta al quesito i tecnici della Dansensor hanno effettuato alcuni test.

Piccola perdita, grande problema

Gli esperti, guidati dall’ing. Elettronico Rune B. Abrahamsen, hanno flussato con N2 alcune confezioni fino a ridurre l’O2 residuo intorno allo 0.1%. Successivamente hanno creato dei fori (perdite) di diametro noto attraverso il top film e misurato il tempo che impiega l’O2 dell’aria ad entrare.

Il grafico mostra quanto sia veloce l’ingresso di aria nelle confezioni in funzione della dimensione del foro.
  • Un foro di 50 micron di diametro – circa la metà del diametro di un capello umano – permette l’ingresso del 10% di ossigeno in 70 ore
  • A questo valore di ossigeno, microrganismi come le muffe e batteri si sviluppano velocemente.
  • Spesso 70 ore è il tempo necessario per la consegna del prodotto dal sito di produzione agli scaffali del supermercato.
  • In poche parole anche un foro molto piccolo può ridurre significativamente la Shelf Life.
  • Se il foro è di 100 micron, un decimo di millimetro, il team Dansensor ha registrato livelli di ossigeno vicini a quelli ambientali (20.9%) in meno di una settimana.

Perdita significa shelf life ridotta

Se una confezione con perdite raggiunge il supermercato le conseguenze sarebbero serie in termini di:

  • Riduzione shelf life – da mesi a settimane o giorni 
  • Scarsa soddisfazione dei clienti 
  • Richiami di prodotto 
  • Reputazione del marchio

La saldatua è cruciale per la MAP

“Il fatto sorprendente è che molte aziende non conoscono quali livelli di ossigeno possano influenzare la shelf life” dichiara Joel Fischer, manager del laboratorio di Minnesota di MOCON Inc. azienda capogruppo di Dansensor. “ E’ importante per le aziende eseguire degli studi specifici per il proprio sistema prodotto/imballaggio”.
 


Joel Fischer
Manager
MOCON Inc.
  Come i materiali d’imballaggio evolvono, il problema delle perdite assume sempre più rilevanza. “ I responsabili della scelta dellei soluzione d’imballaggio rispondono alla domanda dei consumatori”, continua Joel. 

“ Il trend è quello di abbandonare i materiali tradizionali come banda stagnata e vetro a favore dei materiali plastici flessibili, come vassoi, top film o buste.

I prodotti imballati con queste soluzioni spesso sono confezionati in atmosfera protettiva allo scopo di estenderne la shelf life. La MAP consiste nell’allontanare l’aria dalla confezione e sostituirla con una miscela di gas predefinita. Leggi il case study sulla shelf life.

Nella maggior parte delle applicazioni lo scopo della MAP è quello di ridurre la % di O2 all’interno della confezione in quanto la sua presenza determina il rapido sviluppo di microrganismi come batteri e muffe. L’aria della confezione spesso è sostituita da miscele di azoto e anidride carbonica. Questi gas riducono lo sviluppo dei microrganismi responsabili del decadimento della shelf life.

Le perdite nelle confezioni in MAP possono essere causate da diversi fattori e sono difficilmente individuabili ad occhio nudo. Una perdita può essere causata dalla presenza di particelle di prodotto depositate sulle saldature; oppure incorretti parametri di saldatura . Anche una manipolazione scorretta delle confezioni può causare difetti.

“Questi problemi causano ingenti costi alle aziende. Pertanto suggeriamo di effettuare sempre dei controlli per assicurasri che le confezioni siano prive di difetti e microperdite”, conclude Joel.
Clicca qui per leggere il blogpost relativo all’integrita’ delle confezioni.

interessato ad offerta?

La invitiamo ad inviare i suoi dati e riceverà un’offerta entro breve.

Richiesta di offerta

Richiesta di offerta per

La invitiamo ad inviare i suoi dati e riceverà un’offerta entro breve.
Nome Azienda
Nome
Nazione
Provincia
Telefono n°
E-mail
Invio richiesta
Cancel
Get the Flash Player to see this film clip.